PERCORSI-lez.2

Come dovranno essere i percorsi per il progetto Tracciaitalia?

I percorsi dovranno essere per mountain bike, ribadiamo che Tracciaitalia sta costruendo un percorso cicloturistico “fuoristrada”.

Il fondo dei tracciati potrà pertanto essere di qualsiasi tipo, terra, ghiaia, roccia e chiaramente anche asfalto.

Dovranno essere percorribili in tutte e due le direzioni, sono comunque ammessi anche tratti, meglio se brevi, con pendenze importanti…qualche pezzo da fare a piedi, in un percorso così lungo, è impossibile non averlo.

 

L’unica indicazione che diamo è quella di evitare possibilmente strade asfaltate di grande scorrimento, vanno benissimo le strade asfaltate secondarie e poco trafficate, è chiaro che più sterrato c’è e meglio è.

L’idea del progetto è quella di non entrare con il percorso all’interno delle grandi città, va benissimo l’attraversamento di piccole località e paesi. L’obbiettivo di Tracciaitalia è quello di costruire un percorso il più possibile immerso nella natura. Le grandi città o i grandi paesi saranno raggiunti con tracciati secondari chiamati COLLEGA, descritti in altra lezione.

_MG_4328

Quanto dovranno essere lunghe le tracce e come dovranno essere?

Le tracce vanno bene di qualsiasi lunghezza, con tratti anche di soli 5-10 km fino a infinito, noi poi le lavoreremo incollandole tra loro o tagliandole per averne di lunghezza media di circa 40-50 km.

Le tracce potranno essere continue, cioè che vanno da un punto ad un’altro oppure anche circolari, cioè che partono e arrivano allo stesso punto. Quelle continue saranno già perfette per il progetto, mentre quelle circolari dovranno essere tagliate ed essere quindi trasformate in continue. (Per le tracce vedi la lez. TRACCE).

Sono ammessi tratti molto tecnici o pericolosi?

I tratti molto tecnici e pericolosi sarebbe meglio evitarli, il percorso Tracciaitalia dovrà essere un percorso si per mountain bike, ma con valenza cicloturistica, quindi di percorrenza. Comunque, anche per quanto riguarda i tratti di tipo tecnico e pericolosi, considerata la lunghezza complessiva del tracciato,  sarà impossibile non averne, pertanto cercate il più possibile di evitarli o comunque di indicarli come tali.

Vai alla MAPPE-Lez.3 illustra la tipologia e l’utilizzo delle mappe.

 

 

Condividi