Report conferenza IMBA sui sentieri sostenibili e la MTB in Italia

Riportiamo integralmente il Report conferenza IMBA sui sentieri, pubblicato il 28/09/2015 nella sezione new del sito IMBA Italia.

Rileggendolo e rileggendolo, ad un mese di distanza ci è balzato agli occhi un dettaglio che non avevamo preso in giusta considerazione. 

“La vetrina di Cosmobike (la più importante fiera del ciclo in Italia) è stata importante ma ha presentato anche un paradosso. La poca attenzione al tema sentieri da parte delle aziende del settore. Aziende che erano in fiera per “vendere” puntando anche sul boom della mountain bike (e tra poco delle Emtb) ma che si dimostreranno poco lungimiranti se non si adopereranno per difendere e sviluppare la rete sentieristica.”

In un certo senso, a nostro avviso è come se le squadre di calcio non si occupassero dei loro campi di gioco e tutti gli oneri fossero a carico di altri. Quindi riteniamo molto importante lo sviluppo di un dialogo con le aziende di settore sul tema, al fine anche di garantire un giusto e continuo sviluppo di tutto il sistema Mtb. 

Di seguito l’articolo integrale

“IMBA Italia ha fatto un altro passo in avanti durante CosmoBike 2015. Abbiamo organizzato insieme ad ASD Emissioni Zero ed in collaborazione con Bicilive la prima conferenza sulla sentieristica mtb in Italia.

L’obiettivo di coinvolgere diverse realtà e di cogliere l’occasione per allinearsi su dei criteri oggettivi e condivisi è stato pienamente centrato. Il sentiero sostenibile IMBA è stato il comune denominatore attorno al quale i vari relatori sono intervenuti ed hanno risposto alle domande del pubblico.

ConferenzaCosmoBike-17-1024x682

Qui l’introduzione di IMBA Italia sul sentiero sostenibile.

Era importante capire quali fossero le posizioni degli addetti ai lavori e degli appassionati ed è stato interessante sentire in conferenza che i trails siano ritenuti da molti (e non solo addetti ai lavori)  una parte importante dello sport. Ma c’è ancora tanto da fare.

Il dialogo è al primo posto per IMBA ed ascoltare e confrontarsi era importante. I tempi erano maturi per un dialogo costruttivo, alto, e pratico. Ci tenevamo ad avere CAI Cicloescursionismo con cui ci sono molte affinità e punti di vista condivisi. Non sempre le sezioni CAI ed i bikers sono riusciti a confrontarsi “pacificamente” ma potremmo essere ad un punto di svolta grazie ad IMBA e CAI Cicloescursionismo che sta facendo la sua battaglia culturale all’interno di un club con una storia che non nasce dalle due ruote come sappiamo.

ConferenzaCosmoBike-11-1024x682

 

La vetrina di Cosmobike (la più importante fiera del ciclo in Italia) è stata importante ma ha presentato anche un paradosso. La poca attenzione al tema sentieri da parte delle aziende del settore. Aziende che erano in fiera per “vendere” puntando anche sul boom della mountain bike (e tra poco delle Emtb) ma che si dimostreranno poco lungimiranti se non si adopereranno per difendere e sviluppare la rete sentieristica.

Hanno partecipato alla conferenza:

Beppe Salerno IMBA Italia
Marco Angeletti ASD Emissioni Zero
Piergiorgio Rivara CAI Cicloescursionismo
Fabrizio Novikov Kintana ride center
William Basilico ASD Fassabike – Bike Trail Builders
Andrea Querzola Traccia Italia

Gli spunti di riflessione daranno vita al documento i cui punti cardinali sono di seguito indicati.

Punti su cui fondare il documento condiviso della conferenza sui sentieri mtb

  1. Rafforzare la collaborazione a livello locale e nazionale tra coloro (associazioni e società sportive) che sono attivi nella promozione della MTB, per favorirne la diffusione in modo sostenibile;
  1. Sensibilizzare i praticanti della mtb all’impegno, non occasionale, per la manutenzione e la tutela dei sentieri, attraverso il volontariato attivo e la formazione;
  1. Interessare l’industria di settore per un coinvolgimento attivo (e fattivo) nei confronti dello sviluppo e della manutenzione della rete sentieristica per mountain bike, in quanto il solo volontariato e le risorse pubbliche all’oggi sono insufficienti;
  1. Promuovere, disseminare e far radicare le conoscenze sul trail building sostenibile agli appassionati della mtb italiani;
  1. Creare i presupposti affinchè più istituzioni e più persone possibili riconoscano, in Italia ed all’estero, il valore sociale e l’impatto positivo sulla salute e sull’economia del mountain biking.”

ConferenzaCosmoBike-13-1024x682

Condividi

by Andrea Querzola